Distretto Mind, un accordo in sicurezza

Vi ricordate Expo 2015? Ecco, dopo 10 anni la stessa area di Milano torna a essere un centro di enorme sviluppo con la nascita del distretto Mind, un’area tecnologica e non solo che prevede 10 anni di cantieri. Da qui il patto siglato con i sindacati per protocolli che garantiscano e proteggano i lavoratori. Del resto proprio qui, 10 anni fa, fu siglato un accordo che permise di sviluppare i padiglioni dell’Esposizione mondiale con un risultato che è diventato un modello: zero morti sul lavoro

Sviluppo e legalità. Distretto Mind, un accordo in sicurezza. Dopo 10 anni la stessa area di Milano torna a essere un centro di enorme sviluppo con la nascita del distretto Mind, un’area tecnologica e non solo che prevede 10 anni di cantieri. Da qui il patto siglato con i sindacati per protocolli che garantiscano e proteggano i lavoratori

Vi ricordate Expo 2015? Ecco, dopo 10 anni la stessa area di Milano torna a essere un centro di enorme sviluppo con la nascita del distretto Mind, un’area tecnologica e non solo che prevede 10 anni di cantieri. Da qui il patto siglato con i sindacati per protocolli che garantiscano e proteggano i lavoratori. Del resto proprio qui, 10 anni fa, fu siglato un accordo che permise di sviluppare i padiglioni dell’Esposizione mondiale con un risultato che è diventato un modello: zero morti sul lavoro… Si riparte da qui

Il Distretto MIND, Il progetto di Arexpo, per la parte pubblica, e il colosso privato Landlease prevede di sviluppare l’area con lavori fino al 2032, con 356mila metri quadrati di uffici, circa 300 mila metri quadrati di spazi aperti, oltre mille appartamenti in affitto anche per studenti e docenti, senza contare la presenza ormai reale, del nuovo ospedale Galeazzi. Ma soprattutto la creazione di una cittadella scientifica e dell’innovazione che coinvolge anche le università e che sarà occupata da 60mila persone

leave a reply